In Italia con il Senegal nel cuore di Faysal

Come mi sia arrivato questo libricino in mano ancora non lo so. Credo di averlo preso da qualcuno che non voleva questa robaccia. “In Italia con il Senegal nel cuore” di Faysal.

tumblr_inline_mvdoxbT5Lb1sq8125

Credo di aver utilizzato questo libro per rullare joint almeno una quarantina di volte da quando l’ho messo sul comodino. Non sono sicuro invece di ricordare se fosse passato molto tempo o no.

Di sicuro gli sono passati sopra alcuni libri: un certo thriller di un tale Friederich, di cui non ricordo nè il titolo nè la trama anche perchè non l’ho finito a leggere. Ed uno sbiadito Giorgio Faletti, che nonostante tutto continuo a voler leggere.

Non so se nell’ultimo periodo ho letto poco ( e conseguentemente scritto niente) perchè ero svogliato o pigro, ma in una certa maniera avevo bisogno di una spinta.

Questo libro.

Non so cosa pensavo di trovarvi. Cercavo qualcosa di estramente leggero e mi sono imbattuto in questo libricino. Semplice, poche pagine scritte di cuore e senza paroloni che raccontano e descrivono non solo la vita di un uomo, ma anche gli usi e le usanze dei senegalesi.

Quando l’ho terminato mi sono sentito un pò più incoraggiato e stimolato dalla lettura come non lo ero da un pò. Avevo imparato qualcosa di nuovo, qualcosa che mi interessava. E sono tornato a leggere: non molto come prima, ma pur sempre decisamente di più del doppio della triste e patetica media nazionale.

Questo libricino è lungo 61 pagine. Molte sono correlate dalle foto e non c’è nulla di scioccante o insolito. Ma contiene almeno in parte un tassello della vita di un popolo. E conoscere i popoli è una necessità per conoscersi e per comprendere.

Queste 61 pagine mi hanno inoltre regalato un un nuovo amico. L’ho incontrato su una solitaria spiaggia mentre pescavo in un pomeriggio freddissimo. E’ venuto a fare due chiacchiere, abbiamo fumato una sigaretta e ci siamo compresi. Abbiamo parlato di tante cose, dell’Italia e del Senegal, come di pesca e musica. E del Tabaski.

Vi lascio con una bella frase che mi è piacuto molto del libro. Ed una buona lettura.

“Per un attimo mi sembra che noi immigrati siamo stati sacrificati al posto dell’agnello da un sistema economico mondiale spietato” .

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tarocchi e Streghe by PrincessEsmy

UNA COSA ACCADE SOLTANTO SE CI CREDI DAVVERO, ED E' CREDERCI CHE LA FA ACCADERE (F.L Wright)

Monster

"Life imitates ART."

Fundraising Now!

The fundraising 2.0 era - Beta Version

FRANZ

un navigatore cortese

Versi Vagabondi

poetry, poesia, blog, love, versi, amore

KippleBlog

Be Weird Be Kipple

letteratitudinenews

libri, fatti ed eventi segnalati speciali dal blog LETTERATITUDINE di Massimo Maugeri - letteratitudine.blog.kataweb.it

Sirena Guerriglia

Se Tutto è Improbabile, Nulla è Impossibile.

DESERTIFICATION

about drought, desertification and poverty in the drylands

IL MOTIVATORE

Pensieri, sensazioni, azioni.

Tommaso Aramaico

Lì dove è pieno di nomi propri, c'è un nome che di nessuno è proprio. Chi l'ha scelto? Chi lo subisce? E perché? Meschino.

Soffio di respiri

Viola, 23 anni, studentessa, incosciente, innocente. Bovarista deleteria. Racconto di me, chi sono, cosa penso, sbaglio e rattoppo!

kompletna diskografija

Kvalitetan izvor informacija za ljubitelje muzike

NonSoloProust

Il blog di Gabriella Alù

Livelines

«Sono una figura di un romanzo ancora da scrivere, che passa aerea e sfaldata senza aver avuto una realtà, fra i sogni di chi non ha saputo completarmi». [Pessoa]

Spunti da asporto

(ho visto lama che danzavano sputando latte e miele)

17lastella

Perché la gente ha rinunciato a sperare. E dimentica i propri sogni. Così il Nulla dilaga

worldphoto12

Una foto è per sempre

poesia&cultura

La bellezza di qualsiasi tipo, nel suo sviluppo supremo, eccita sempre l’anima sensibile fino alle lacrime. (Edgar Allan Poe)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: